Riso Bomba
Blog

Riso Bomba: le fasi di lavorazione della Denominazione d’Origine

La Denominazione d’Origine spagnola è una certificazione alimentare assegnata a determinati alimenti tipici della produzione su territorio spagnolo. Tra questi vi rientra anche il Riso Bomba, il cereale migliore per la preparazione del tipico piatto spagnolo della paella Valenciana. Il marchio/riconoscimento di Denominazione d’Origine è garantito e gestito dai Consigli Regolatori. I consigli sono enti di diritto pubblico, il cui scopo è quello rappresentare, difendere, garantire e promuovere i prodotti spagnoli. L’Arroz di Valencia è un cereale tutelato e certificato della zona limitrofa a Valencia, più precisamente della zona del Parco naturale di Abufera, dove viene coltivato nelle risaie, altamente automatizzate. Il Consiglio Regolatore che si occupa del Riso Bomba tutela la sua coltivazione, produzione e distribuzione nella zona di Valencia, Alicante e Castiglione.

Riso Bomba: le fasi della lavorazione

La Denominazione d’Origine garantisce e certifica diverse fasi della produzione del Riso Bomba:

  1. Semina
  2. Raccolta
  3. Essiccazione
  4. Preparazione
  5. Confezionamento

La Denominazione d’Origine è assegnata tramite l’apposizione di un marchio registrato che ne identifica tutti i prodotti. Nel logo è stata raffigurata una baracca valenciana e deve riportare il nome della denominazione e il numero del registro attribuito dal Consiglio Regolatore.
La varietà del Riso Bomba è indicata esplicitamente nell’etichetta.
La Denominazione d’Origine è basata sul fatto che le caratteristiche del prodotto sono dovute proprio al luogo di origine dello stesso. Particolari condizioni ambientali e il lavoro tradizionale svolto in un determinato modo, secondo regole tramandate da generazione in generazione.
La normativa della Denominazione d’Origine vuole tutelare produttori, venditori e soprattutto gli acquirenti. A loro vuole essere garantita l’assoluta certezza di comprare un prodotto originale e tipico di quella zona.

Riso Bomba: la nascita della Denominazione d’Origine

Il primo prodotto in assoluto a ricevere il fregio di Denominazione d’Origine è stato un vino portoghese. Il Portogallo nel 1756 creò la “Compagnia Generale dell’agricoltura dei vigneti della zona dell’Alto Duero”. L’organizzazione venne pertanto istituita per garantire la tutela della produzione e della commercializzazione dei vini di questa specifica regione.
Altre teorie invece indicano il ToKaj-Transilvania nel 1730 come primo prodotto a ricevere questo riconoscimento, altre ancora invece segnalano il Chianti-Italia nel 1716.
In conclusione la maggior parte degli organi posti a tutela della qualità dell’origine di un prodotto, sono nati tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX.
La prima Denominazione d’Origine in Spagna è stata la Jerez-Xeres-Sherry” dei vini della zona de Jerez nel 1935.

riso bombaRiso Bomba: le caratteristiche stabilite dal Consiglio Regolatore

Il Consiglio Regolatore che gestisce l’assegnazione del marchio di Denominazione d’Origine al Riso Bomba, ne ha anche stabilito le caratteristiche intrinseche che il cereale deve avere.
Ha stabilito che il Riso Bomba è quello dai cui grani maturi le cuticole del pericarpo sono state totalmente o parzialmente rimosse. Deve avere un coloro più o meno bianco, ma sempre e comunque uniforme.
Il Consiglio ha identificato nello specifico anche la zona esatta in cui questo po’ essere coltivato per poi essergli riconosciuto il marchio.
La zona geografica circoscritta è quindi quella umida naturale nelle province di Alicante, Castellon e Valencia, nella comunità valenciana. I comuni identificati sono situati nell’area del Parco naturale di Abufera de Valencia e del Parco naturale Marjal de Pego-Oliva e Marjal de Almenara.
In queste zone il riso bomba svolge una funzione molto importante nella sostenibilità dell’ecosistema.

I comuni che vi rientrano nella zona di Valencia sono:

  • Albal
  • Albalat de la Ribera
  • Alfafar
  • Algemesí
  • Beniparrell
  • Catarroja
  • Cullera
  • Massanassa
  • Sedaví
  • Silla
  • Sollana
  • Sueca
  • Valencia

Altri comuni della provincia di Valencia:

  • Alginet
  • Almacera
  • Almusafes
  • Alquería de la Condesa
  • La Alcudia
  • Alcira
  • Benifayó
  • Corbera
  • Favareta
  • Fortaleny
  • Llaurí
  • Masamagrell
  • Oliva
  • La Pobla de Farnals
  • Polinya del Xuquer
  • Puzol
  • Rafelbuñol
  • Riola
  • Sagunto
  • Tavernes de Valldigna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *